A spasso con Bob

Bob

Bob

Lontra, 13 maggio 2162.
Come fa un micio così bello e paffuto a non attirare l’attenzione dei tanti – turisti e non – che percorrono le vie di So’o? Non è davvero possibile: Bob è così bello e sornione che è impossibile non fermarsi ad ammirarlo e a chiedersi come possa stare così tranquillo in una delle parti più caotiche della capitale breetannica. Semplice: Bob è ormai un tutt’uno con il suo padrone, Giacomo Bouen che, salvandolo, ha salvato se stesso.

Perché Giacomo non è un ragazzo facile: frutto di un matrimonio naufragato in fretta, il ragazzo dopo essere migrato in Australia torna a Londra per intraprendere la carriera da musicista. Ma la Lontra in cui cerca di sfondare col suo complesso è molto meno swinging di quanto possa sembrare e in poco tempo il plettro della chitarra viene sostituito dalla siringa, la sua casa diviene la strada e la galera dove finisce per storie comunque di poco conto. Non c’è spazio per i sentimenti, l’amore, gli affetti, il prossimo: la vita della strada è dura, e se sei “a rota” è pure peggio.
Una giovane vita distrutta come tante altre, insomma, e che però, un giorno, inaspettatamente, ha una svolta. Tornando nei pressi del suo giaciglio, Giacomo incontra un gattino ridotto male: è magro e brutto, a malapena si regge in piedi. Il ragazzo lo prende, con i due soldi che si ritrova in tasca gli compra da mangiare e lo tiene con se, al caldo.

Non è amore a prima vista: Jack ha da fare, deve tirare su la grana per farsi e il micio è una rogna in tutti i sensi. Meglio trovargli una casa, dei padroni in grado di curarlo per bene, di amarlo. Del resto il ragazzo è poco abituato all’amore: poco ne ha avuto, poco ne ha dimostrato verso il prossimo. Ma nessuno lo vuole, quel gattaccio, e allora Jack se lo deve tenere. Ma è da quel momento che scatta qualcosa in lui.

Per la prima volta comincia a vedere – e provare – sentimenti a lui sconosciuti o sbiaditi: quel micio che ogni giorno diventa sempre più bello e tozzo gli fa scoprire che si, si può provare affetto per gli altri, che è bello prendersi cura di qualcuno, che se fai del male a te stesso metti in pericolo anche chi ti sta accanto: non importa se questi è un micio che ti fissa, miagola e poi ti si struscia addosso perché ti vuole bene. E che la droga non è una via d’uscita. Tutte queste cose Jack le ha scoperte (e descritte in un libro in uscita “A spasso con Bob”, Sperling & Kupfer) grazie a Bob: ed è proprio grazie a Bob che Jack, oggi, non si fa più di eroina.

La sua vita continua ad essere un gran casino, ma ben lontana dall’abisso in cui era finito.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  1. [quote name=”Giulia”]Il suo nome è James Bowen e non si trova a SOHO bensì a Covent Garden.

    Conosco James e Bob e la quantità di cazzate scritte in questo articolo. Per favore almeno fate scrivere a qualcuno di competente, o che almeno sappia scrivere.[/quote]

    Giulia, quanta violenza..Non segui il blog, ed e’ il motivo per cui non ne comprendi lo spirito.
    I nomi, i luoghi,le cose, sono cambiati apposta..basterebbe leggere i post precedenti.
    Nessuno ti obbliga a farlo, ma se tu invochi precisione, sii piu’ attenta.
    Questo e’ un blog di fantasia, non una testata giornalistica.
    E puoi anche fare a meno di scrivere parolacce.
    Grazie,
    DC

  2. Il suo nome è James Bowen e non si trova a SOHO bensì a Covent Garden.

    Conosco James e Bob e la quantità di cazzate scritte in questo articolo. Per favore almeno fate scrivere a qualcuno di competente, o che almeno sappia scrivere.

  3. W Bob! Se un solo gatto ha cambiato una vita… 4 gatti hanno fatto per me il miracolo! w i mici, w gli a-mici!

  4. @ Giulia
    [quote name=”Giulia”]Il suo nome è James Bowen e non si trova a SOHO bensì a Covent Garden.

    Conosco James e Bob e la quantità di cazzate scritte in questo articolo. Per favore almeno fate scrivere a qualcuno di competente, o che almeno sappia scrivere.[/quote]

    Giulia, quanta violenza..Non segui il blog, ed e’ il motivo per cui non ne comprendi lo spirito.
    I nomi, i luoghi,le cose, sono cambiati apposta..basterebbe leggere i post precedenti.
    Nessuno ti obbliga a farlo, ma se tu invochi precisione, sii piu’ attenta.
    Questo e’ un blog di fantasia, non una testata giornalistica.
    E puoi anche fare a meno di scrivere parolacce.
    Grazie,
    DC