Il medico della Mutua 2.0

Quello sui codici bianchi si  pagava già da tempo, ma non lo sapeva, o non lo voleva sapere, nessuno. Quello sulle visite specialistiche si comincia a pagare da  oggi: la stangata sulla sanità, grazie alla finanziaria, passa per questi due ticket che, più o meno, permetteranno alla   regione di  incassare circa 35 milioni di euro l’anno. Direttamente dalle tasche dei cittadini che potranno permettersi il lusso di pagare 10 euro in più per una visita specialistica, o 25 per entrare in pronto soccorso non necessariamente in pericolo di vita.
Quest’ultimo ticket, del  resto, non è una novità: introdotto già a partire dalla giunta Marrazzo, quello sui codici bianchi era diventato più un’opinione che una tassa, tant’è che negli ultimi anni i codici bianchi sono diventati quasi una trascurabile minoranza mentre i codici  verdi, esentasse, sono ovviamente saliti di rango. Tanto, non  controlla nessuno. E pure se controlli, c’è un escamotage, termine  francese che in italiano significa più che altro arte d’arrangiarsi. I modi sono tanti: si va dal dichiarare sintomi fantasiosi alle lettere dell’avvocato che minaccia cause su cause. Elevando a verde un codice  bianco il problema è risolto. E infatti già c’è chi vorrebbe estendere il ticket ai codici verdi. E poi via via agli altri, fino al rosso. Vedremo, da oggi in poi, quanto la stretta annunciata da Renata Polverini farà effetto. Ma è soprattutto il ticket sulle prestazioni specialistiche che peserà nelle tasche dei cittadini e che, di fatto, rappresenta l’ennesima tessera del mosaico che, una volta completato, trasformerà la sanità pubblica in privata. Come sostiene il Tribunale del malato che ha già fatto due conti: le visite specialistiche pubbliche costano in media 46 euro con liste  d’attesa lunghe mesi; con 6 euro in più si prenota la visita in uno  studio privato e si attendono al massimo 3 giorni. Roba da Alberto Sordi: il dramma  è che 43 anni dopo “il medico della mutua”, la realtà ha superato la  fantasia e non c’è nulla da ridere.

Rispondi