Condannati a Fazzio

Rischiatutto
La mascotte del Rischiatutto

Moriremo con lui. Non importano i perché, i come, i forse: Fabbio Fazzio “ce deve sta”. Siamo condannati ad avere lui come riferimento televisivo, a prescindere dalla bravura e dal talento. Dov’è Daniele Luttazzi? Uno che di talento, dopo aver mangiato badilate di merda, ne aveva da vendere. Riempie i teatri ma per la RAI e le sue sorelle, è invisibile: il suo programma, nella formula simile a quello di David Letterman, era strepitoso. E’ stato fatto fuori col macete dopo aver invitato Travaglio. La difesa, debole e solita, è che Fazio fa “i numeri”. E te credo: ha gli spazi migliori e programmi quotidiani. Nessun rivale che possa competere avendo a disposizione le stesse armi. Vince a prescindere.

Ora anche il Rischiatutto: uno sbadiglio perpetuo, oltre che dimostrazione di mancanza di idee. La “critica” di Aldo Grasso, una cortese, carezzevole supercazzola accorta e rispettosa (che, infatti, è già sparita dalla prima del Corriere.it), malcela l’evidenza di un disastro totale e rafforza la convinzione che il Rischiatutto meritava un rispettoso ricordo, non una triste, mediocre rispolverata.

 

Perché tanto odio?

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: