Il Movimento apre ai “Poltronissimi”

E alla fine arrivò la deroga. In fondo annunciata da tanti “non lo faremo mai” inseriti qua e là in dichiarazioni varie da tanti esponenti del M5S senza che ce ne fosse il bisogno, l’apertura ai mandati oltre il secondo è giunta, puntuale.

Puntuale perché serve per aprire una breccia senza sfondare il muro delle Regole- oramai evidentemente tutt’altro che solido – che proteggeva il Movimento da pratiche non virtuose.

In pratica, servirà a dimostrare che si, della regola del secondo mandato si può – anzi si deve – fare a meno.

Il Movimento 5 Stelle è già compromesso da cricche e cricchette fatte di parenti e amici che nulla hanno a che fare con onestà, buon governo, iniziativa, capacità.

E’ sempre più evidente: le percentuali bulgare con cui Luigi Di Maio si è visto riconfermare la fiducia sono solo servite per mettere la freccia e sorpassare a tutta velocità una questione che non avrebbe mai – MAI – dovuto essere messa in discussione, nemmeno per scherzo.

Perché è – o, meglio, era – la garanzia di ricambio, l’unico modo per evitare la politica di professione, la permanenza nelle “stanze del potere”, i compromessi e/o i corteggiamenti, etc.

Viene da chiedersi il perché di tale porcheria, di tale tradimento. E l’unica spiegazione che riesco a darmi è che l’aria da Basso Impero che si respira intorno al Governo dopo le Europee sia la spia di un voto prima del previsto.

Che peccato.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: